L’organo

27aprile 050Il primo organo a canne fu costruito prima del 1631, giacchè, come risulta dagli atti conservati nello stesso Archivio della Collegiata, nel 1631 i Canonici deliberarono di costruirne uno nuovo per rendere più solenni gli uffici che ogni giorno venivano celebrati nella stessa Chiesa e per accompagnare le Messe in canto o le inedite melodie composte in parte dagli stessi Canonici o da bravi Maestri d’organo che svolgevano il loro ufficio.

Famose sono le belle melodie del Maestro Sebastiano La Vega, cantate nei Venerdì di Quaresima (calata dei veli), o il tradizionale canto del “Corri o figlio” che si esegue durante il novenario di preparazione alla festa del 3 maggio.

L’organo era prima collocato sopra la cappella del transetto (lato sinistro o cappella di S. Carlo in origine). Arrivata l’urgenza di restaurarlo e di ingrandirlo, fu trasportato nel coro nel 1840, sul piano dove attualmente si trova, ricavato dalla volta dell’antica sacrestia. Quest’organo fu ingrandito e rinnovato da Salvatore La Grassa, che aggiunse un’altra tastiera ed altri registri. Nel 1935 fu eseguito un altro restauro dalla ditta Laudani e Giudice di Palermo per incarico dell’allora Rettore della Chiesa Canonico Minà. 

Negli anni sessanta quest’organo a trazione meccanica fu rimosso dalla ditta Fratelli Ruffatti di Padova, per dare posto all’attuale organo elettrico, inaugurato il 7 aprile 1973 con un concerto di organo ed orchestra diretta dal Maestro David Machado, e con un recital di solo organo tenuto dal maestro Alessandro Esposito. Un secondo ordine di registri (principale forte e sesquialtera) venne aggiunto nel 1983, anno di celebrazione del ventennio della parrocchia.

Dal 2000, a causa di danni provocati da infiltrazioni d’acqua avvenute durante il restauro dei tetti della chiesa, l’organo aveva iniziato a presentare diversi problemi, tanto da renderne impossibile l’utilizzo durante la sacra liturgia. Nel 2009 grazie alla strenua volontà del parroco Don Mario Campisi e per interessamento diretto di Mariella Termini, ex assessore comunale di Monreale, è stato concesso un contributo del Senato della Repubblica per il ripristino dello strumento. Ciò ha permesso nel 2010 l’esecuzione dei lavori di manutenzione straordinaria dell’organo che sono stati effettuati dalla bottega organaria di “G. Colletti” di Chiusa Sclafani. Il 10 ottobre 2010, alla presenza di numerose autorità e di una chiesa gremita di fedeli, si è tenuto il concerto di inaugurazione dello strumento tenuto dal maestro Diego Cannizzaro.

SCHEDA TECNICA MONUMENTALE ORGANO FRATELLI RUFFATTI DELLA COLLEGIATA DI MONREALE

Costruttore: Ditta F.lli Ruffatti di Padova
Anno di costruzione: 1967
Tipo di trasmissione: elettrica
Numero di tastiere: due
Numero di registri: vedi sotto
Numero di tasti: 61
Tipo di tastiera: cromatica
Numero di pedali: 32
Tipo di pedaliera: concavo-radiale
Manutenzione straordinaria e ripristino: Ditta “Bottega Organaria di Giuliano Colletti”di Chiusa Sclafani (PA).
Anno del restauro: 2010

ATTUALE COMPOSIZIONE FONICA  

I° manuale

II° manuale

Pedale

° Principale Forte  8’

° Sesquialtera 2’ 2/3

° Principale 8’

° Ottava  4’

° Duodecima  2’ 2/3

° Decimaquinta  2’

° Ripieno 5 file 1’ 1/3

° Salicionale 8’

° Flauto Cilindrico 8’

° Flauto Armonico 4’

° Voce Umana 8’

° Tromba Dolce 8’

° Principale 8’

° Bordone 8’

° Viola Dolce 8’

° Principalino 4’

° Flauto 4’

° Nazardo  2’ 2/3

° Silvestre 2’

° Terza 1’ 3/5

° Ripienino 3 file 2’

° Voce Celeste 2 file 8’

° Cromorno 8’

° Tremolo

 

° Subbasso 16’

° Basso Corale 8’

° Bordone 8’

° Ottava 4’

° Tromba 8’ dal I

 

TOTALE CANNE 1723

Accessori: lo strumento oltre ai registri sopracitati ha gli accessori di unione tastiere, unioni di ( I al pedale, II al Pedale) accoppiamenti ( I 16’I-I 4’I- II 16’I- II 4’ I- II 16’ II- II 4’ II) ed annullamenti (Ann. Ance, Ann.Rip., Ann. Unioni ed Ann. Accoppiamenti) in consolle, e dei pedaletti richiamanti a sinistra le unioni e gli aggiustabili Gen., il pedale del crescendo, il pedale della griglia espressiva, a destra i pedaletti di Ripieno I° e II° Man., Il pedaletto delle Ance e del Forte Generale.

Galleria foto inaugurazione organo a canne

Galleria video inaugurazione organo a canne

antista_giuseppe

L’organista

Organista titolare del Santuario SS. Crocifisso, dal 2001, è Giuseppe Antista. Dottore in Medicina e Chirurgia e specialista in Geriatria, ha studiato pianoforte con il maestro Piero Giurintano e organo con il maestro Diego Cannizzaro. E’ stato organista della parrocchia di S. Giuseppe di Aquino e della parrocchia di S. Vito dal 1996 al 1999, …

Vedi pagina »